lunedì 7 gennaio 2019

Martina Franca: presentata "Martina Is Fashion" per il Pitti Uomo 2019

MARTINA FRANCA (TA). Dopo la positiva esperienza della scorsa primavera, è stata presentata lo scorso 3 gennaio a Palazzo Ducale la nuova pagina pubblicitaria "Martina is Fashion", ideata dall’Amministrazione Comunale e dalle aziende che stanno partecipando alle sfilate del Pitti Uomo a Firenze fino all’undici gennaio.
Presenti il sindaco Franco Ancona, l’assessore allo Sviluppo Economico Bruno Maggi, Salvatore Toma di Confindustria Moda, Fabio Barnaba dei Grafici Associati e i rappresentanti delle aziende partecipanti al Pitti Uomo, che nel dettaglio sono: Tagliatore, Berwich, Angelo Nardelli 1951, Tardia, Fradi, Bottega Martinese, Hevò, 0909, Alessandro Dell’Acqua e Havana&Co.
Pitti Uomo (Firenze 8- 11 gennaio 2019) è considerata dagli addetti ai lavori la piattaforma più importante per le collezioni di abbigliamento maschile e per il lancio dei nuovi progetti di moda su scala internazionale.
Anche questa volta, dieci marchi tessili di eccellenza si sono uniti, insieme al Comune di Martina Franca, dando vita a un nuovo esperimento di marketing territoriale e comunicazione partecipativa, che unisce il pubblico al privato.
Con la collaborazione grafica di GFC Associati è nata la pagina che sarà presente sulla rivista "Fashion Magazine", all’interno dei treni Italo nell’omonima rivista e, una novità per quest’anno, nelle edizioni de "Il Sole 24 Ore", del gruppo Corriere della Sera, sia in formato online che cartaceo.
In particolare, sono previste 18 mila copie della rivista Fashion Magazine in distribuzione in tutta Italia, a cui si aggiungono 5 mila copie direttamente per le giornate del Pitti Uomo e 3 mila copie per i successivi eventi di "Milano Collezione Uomo", in aggiunta alla pagina presente sul Sole 24 ore.
"Rispetto alla pubblicità per il Pitti 2018, è stato modificato il colore del tessuto presente sul fondo della pagina e l’elemento architettonico" ha dichiarato  Fabio Barnaba, socio fondatore della Grafici Associati "In più è stata aggiunta la traduzione inglese del testo/slogan, che racconta l’essenza dei laboratori sartoriali da cui sono nate queste grandi aziende. Vogliamo essere istituzionali, eleganti ed innovativi al tempo stesso, speriamo di esserci riusciti".
"Anche questa volta abbiamo scelto di puntare su un target di riferimento medio – alto, coinvolgendo anche il gruppo Corriere della Sera – Il Sole 24 Ore, oltre che le riviste Fashion Magazine e Italo" ha dichiarato l’Assessore allo Sviluppo Economico Bruno Maggi "Stimiamo che la visibilità di questa pubblicità possa arrivare a 4-5 milioni di persone e in particolare a operatori commerciali e industriali, in linea con lo sviluppo territoriale di Martina. Con il Sindaco Franco Ancona saremo in questi giorni al Pitti, fianco a fianco ai titolari delle aziende martinesi. In un periodo storico in cui prevalgono le individualità, proviamo a far vincere il 'noi'".
"Le nostre aziende sono protagoniste in un panorama mondiale e resistono grazie alla qualità, nonostante subiscano in alcune casi politiche protezionistiche che impediscono la libera concorrenza" ha dichiarato infine il sindaco Franco Ancona "Come Amministrazione comunale cerchiamo di essere per loro un supporto concreto puntando sull’aggregazione di più forze, come avvenuto in questo caso e provando a fare formazione di qualità, per questo siamo impegnati nella costituzione di un Istituto tecnico specializzato nel settore. Recentemente, inoltre, il Consiglio comunale ha approvato un importante delibera urbanistica che consente, alle imprese presenti nella zona industriale, di sopraelevare di un piano la propria sede aziendale con una semplice e snella convenzione urbanistica. Con Martina is Fashion promuoveremo in questi giorni al Pitti tutte le nostre aziende partecipanti e l’intera Città di Martina Franca come fossero un’entità unica".
Il sindaco Ancona e l’assessore Maggi saranno a Firenze insieme ai titolari della aziende martinesi nelle giornate di martedì 8 e mercoledì 9 gennaio.

0 commenti:

Posta un commento