lunedì 14 gennaio 2019

Egitto: cooperazione nuova tra l'Egitto e l'Italia nel campo dell'educazione

di LAMIAA MAHMOUD. Il Ministro Egiziano dell'Educazione, il dott. Tarek Shawki, ministro dell'Istruzione e tecnica, ha ricevuto giovedì 10 gennaio una delegazione composta dall'ambasciatore italiano in Egitto Giampaolo Cantini, Maria del Carmen Tascini, Console d'Italia in Egitto, Camillo Giorgi, preside di una scuola italiana e alcuni membri del Consiglio di fondazione del progetto dell'Università italiana in Egitto.
Shawki ha sottolineato che un gran numero di studenti egiziani nella scuola secondaria scelgono l'italiano come seconda lingua. Ed ha suggerito che l'Italia ha un ruolo nel migliorare il livello dell'insegnamento della lingua italiana come seconda lingua nelle scuole Egiziane e di  formare gli insegnanti egiziani a questo riguardo.  
Inoltre, il ministro ha presentato alla delegazione la possibilità di tradurre il nuovo curriculum negli asili e nelle scuole elementari all'interno del nuovo sistema educativo in italiano, che sono stati tradotti in inglese e in  francese. 
Ma il lato italiano ha offerto un progetto nella nuova capitale e il desiderio della parte italiana di stabilire un certo numero di scuole italiane in Egitto che sono collegate alla nuova università. 
La Cooperazione tra l'Egitto e L'Italia , nel campo dell'Educazione soprattutto, l'Educazione tecnica aveva una lunga storia in Egitto rappresentata per esempio: l'Istituto Il Don Bosco si trova al Cairo e ad Alessandria, dal 19° secolo è considerato uno dei modelli educativi italiani più importanti e di successo in Egitto, dove lo studente studia italiano, inglese e arabo; il Don Bosco è un istituto di alta qualità di formazione tecnica attraverso la fornitura e la certificazione di una qualifica riconosciuta dal Ministero dell'Istruzione italiano, dalla Comunità dell'Unione Europea e dal Governo egiziano; ed anche il complesso tecnologico integrato nel Governatorato di Fayoum è anche considerato un modello brillante per l'educazione artistica in Egitto in stile italiano.

of LAMIAA MAHMOUD. The Egyptian Minister of Education, dr. Tarek Shawki, Minister of Education and Technology, received on Thursday 10 January a delegation composed of the Italian Ambassador to Egypt Giampaolo Cantini, Maria del Carmen Tascini, Consul of Italy in Egypt, Camillo Giorgi, Dean of an Italian school and some members of the Board of Trustees of the Italian University project in Egypt.
Shawki pointed out that a large number of Egyptian students in secondary school choose Italian as a second language. And he suggested that Italy has a role in improving the level of teaching Italian as a second language in Egyptian schools and training Egyptian teachers in this regard.
In addition, the minister presented to the delegation the possibility of translating the new curriculum in kindergartens and primary schools within the new educational system in Italian, which were translated into English and French.
But the Italian side offered a project in the new capital and the Italian side's desire to establish a number of Italian schools in Egypt that are connected to the new university.
The Cooperation between Egypt and Italy, especially in the field of Education, Technical Education had a long history in Egypt represented for example: the Don Bosco Institute is located in Cairo and Alexandria, from the 19th century is considered one of the most important and successful Italian educational models in Egypt, where the student studies Italian, English and Arabic; Don Bosco is a high quality technical training institute through the supply and certification of a qualification recognized by the Italian Ministry of Education, the Community of the European Union and the Egyptian Government; and also the integrated technological complex in the Fayoum Governorate is also considered a brilliant model for the Italian-style education in Egypt.

il Don Bosco al Cairo

il Complesso tecnologico di Fayoum

il Don Bosco  ad Alessandria


0 commenti:

Posta un commento