venerdì 5 ottobre 2018

"Picasso e l'altra metà del cielo": risultati oltre ogni aspettativa

Più di 26000 visitatori, questo è il dato di affluenza registrato finora dalla mostra "Picasso e l'altra metà del cielo" ospitata nel Palazzo Ducale di Martina Franca, nel Castello Normanno Svevo di Mesagne e nel Palazzo Tanzarella in pieno centro storico a Ostuni. Un dato che conferma il complessivo successo della mostra e che la proietta fra le mostre più visitate in Italia nel 2018.
La mostra ha registrato 26.230 visitatori (dato aggiornato al 30 settembre) con una percentuale di stranieri che tocca il 70% e con Martina Franca che risulta la cittadina dalla quale sono passati il maggior numero di visitatori. Si registra anche il successo della formula della mostra diffusa con unico ticket che ha visto circa il 65% del complessivo di visite in tutte e 3 le sedi e oltre l'80% di visitatori in almeno 2 sezioni della mostra. Le collaborazioni con il territorio hanno prodotto inoltre diversi eventi nelle 3 cittadine: concerti a cura del Festival della Valle d’Itria, il concerto di Rosalia De Souza a Villa San Martino a cura di Bass Culture, la Cena con Picasso realizzata in collaborazione con Masseria Altemura a Mesagne oltre che proiezioni cinematografiche all’aperto e seminari.
Altrettanto positivo il riscontro che ha avuto il progetto "Puglia Walking Art" che tende a costruire intorno all’esposizione un paniere di esperienze per la fruizione del territorio e una serie di laboratori per i bambini sulla vita e le opere del genio spagnolo (info: www.pugliawalkingart.com - +39 3473817845).
Le continue richieste da parte di diverse scuole e la tendenza a destagionalizzare hanno mosso Puglia Micexperience, rete organizzatrice dell'esposizione, a richiedere la proroga della mostra al 25 novembre 2018. Gli ulteriori giorni dell'esposizione permettono anche il lancio di 3 iniziative: Picasso per la scuola, L'azienda sposa l'Arte, e Picasso diviso 3.
Picasso per la scuola: le scuole che vorranno prenotare fino al prossimo 25 novembre, potranno farlocontattando i riferimenti informativi info@picassoinpuglia.com e il num. 3473817845 per prenotare visite guidate o semplici visite a prezzi agevolati e con gadget per bambini e ragazzi.
L'azienda sposa l'Arte: nell'ambito delle iniziative di coinvolgimento del territorio, l'organizzazione della mostra ha ritenuto di lanciare alle aziende locali, l'opportunità di acquistare pacchetti di biglietti per i propri dipendenti e clienti a prezzi agevolati.
Picasso diviso 3: per venire incontro alle esigenze di cittadini con limitata possibilità alla mobilità, o a visitatori occasionali, si è ritenuto di dare la possibilità di visitare anche solo una sezione della mostra a 5€.
La Mostra, aperta quindi fino al 25 novembre, può essere visitata sia con un unico ticket di 12€ (salvo riduzioni) valido per tutti e tre gli spazi oppure con ticket per singolo spazio a 5€.
A partire dall'8 ottobre e fino alla fine dell'esposizione gli orari della mostra saranno i seguenti: dal lunedì al venerdì e la domenica - 10/13 - 15/19; sabato - 10/13 - 15/21.
Per rimanere aggiornati sulla mostra e sugli eventi a latere invitiamo a seguire la pagina Facebook ufficiale della mostra, www.facebook.com/PicassoinPuglia e il sito www.picassoinpuglia.com.
Arrivano tutte da collezioni private, molte delle quali mai esposte prima, le duecentodiciassette opere di Picasso e l'Altra Metà del cielo. Allestita dell'Associazione Metamorfosi e dalla rete d'impresa Puglia Micexperience e curata dal Prof. Francesco Gallo Mazzeo, Docente all’accademia di belle arti di via Ripetta a Roma, sarà aperta al pubblico dal 24 aprile al 4 novembre 2018 in Puglia e presenterà 3 olii , 159 grafiche, 35 ceramiche e un disegno del genio spagnolo, un acquerello dell'artista e compagna di vita Dora Maar e 19 grafiche di un'altra donna che ha accompagnato la sua vita: Françoise Gilot. Il ritratto di quello che molti considerano la maggior espressione artistica del Novecento, sarà completato, come una sorta di "mostra nella mostra", da 80 fotografie di Edward Quinn, il fotografo irlandese che dal 1951 fino al 1973, anno della morte di Picasso, fu legato all'artista da una profonda amicizia, 8 foto di Robert Capae e 3 della Gilot. Il progetto vede la realizzazione della mostra suddivisa in 3 spazi differenti all'interno del territorio pugliese. Uno dei primi esempi di mostra diffusa che unisce città con peculiarità artistiche, storiche , culturali e identitarie simili. La mostra, visitabile con un unico ticket di ingresso coinvolge 3 location: Mesagne (Castello Normanno Svevo), Ostuni (Palazzo Tanzarella) e Martina Franca (Palazzo Ducale). Il percorso, visitabile indistintamente a partire da qualsiasi dei tre luoghi, ha l'ambizione di unire sotto il
cappello del barocco pugliese 3 importanti località del tacco d'Italia. Mesagne e Martina Franca, infatti, sono riconosciute per i propri palazzi e edifici religiosi di epoca barocca. Un percorso che abbraccia anche aspetti identitari importanti, legati alla comune appartenenza di Martina Franca e Ostuni al territorio della Valle d'Itria.

0 commenti:

Posta un commento