martedì 23 ottobre 2018

Ostuni: mercoledì 24 ottobre il "World Polio Day" nel Liceo Scientifico "Pepe"

OSTUNI (BR). Continuano gli eventi ad Ostuni: mercoledì 24 ottobre ricorre il "World Polio Day", giorno che il Rotary International dedica alla lotta contro la poliomielite, volta a cancellare dal pianeta questa terribile malattia. La ricorrenza verrà celebrata anche ad Ostuni, alle 10, con una manifestazione, aperta a tutti, nell’auditorium "Luigi Greco" del Liceo Scientifico "Pepe" di Ostuni. 
Dopo i saluti della dirigente Annunziata Ferrara e del Presidente del Rotary Club Ostuni Valle d’Itria Rosa Marina, Roberta Bono, il giornalista rotariano Gianmichele Pavone coordinerà l’incontro, con le testimonianze della dottoressa Jlenia Maniglio, terapista de "La Nostra Famiglia" sul tema "La poliomielite: come, quando, perché" e di Mina Maccuro; Gianni Lanzilotti, già Governatore del Distretto Rotary 2120 di Puglia e Basilicata nell’anno 2017-2018, parlerà su "Il Rotary e il progetto End Polio Now", mentre la professoressa rotariana Maria Concetta Piacente parlerà de "Il sapere come metodo di vita". Le conclusioni sono affidate a Martino Tropiano, assistente del Governatore del Distretto 2120 del Rotary International, Donato Donnoli. 
Il programma "PolioPlus" per eliminare la poliomielite ha avuto grande successo, grazie al Rotary ed all’impegno dei suoi soci e volontari alcuni dei quali hanno pagato con la vita il loro impegno in zone difficili del mondo per vaccinare i bambini. Per questo la poliomielite è stata eradicata dall’emisfero occidentale del mondo e i nuovi casi confinati in aree di Pakistan, India, Nigeria ed Aghanistan. Non va dimenticato che, solo sessant’anni fa, anche in Italia molti bambini morivano di poliomielite o erano colpiti da gravi paralisi. 
L’idea di questa vaccinazione di massa nacque in Italia da Sergio Mulitsch, socio fondatore del Rotary Club Treviglio (Bergamo) e poi Governatore del Distretto rotariano 204. Nel 1979 diede inizio alla prima campagna di vaccinazioni nelle Filippine acquistando, grazie all’impegno dei Rotary Club italiani, 500.000 dosi di vaccino. Avendo ottenuta la stima e l’amicizia di Albert Sabin, egli pure rotariano del Club di Cincinnati (USA), scopritore del vaccino orale, iniziò una vera collaborazione fra i due. 
Albert Sabin, con generosità esemplare, applicò il motto rotariano "servire al di sopra del proprio interesse" e rinunciò ai diritti brevettuali a lui spettanti, permettendo così l’abbattimento del costo diogni singola dose destinata a questo grande sogno rotariano. 
Al termine della manifestazione nel Liceo di Ostuni ci sarà una performance teatrale del Gruppo del Liceo "Calamo" "Officina del Sole" diretto dal professore Alessandro Fiorella.

0 commenti:

Posta un commento